Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» 2013 05 14 Verbale
Mer Mag 15, 2013 6:00 pm Da Annalisa

» 2011 06 17 Verbale
Mer Set 26, 2012 6:42 pm Da Annalisa

» 2011 05 03 Verbale
Mer Set 26, 2012 6:41 pm Da Annalisa

» Apericena 17 maggio 2011
Mer Mag 04, 2011 6:46 pm Da Annalisa

» 2011 03 08 Verbale
Dom Mag 01, 2011 7:00 pm Da Annalisa

» 2011 03 08 Verbale
Gio Mar 10, 2011 7:09 pm Da Annalisa

» 2011 02 22 Verbale
Gio Mar 03, 2011 9:53 pm Da Annalisa

» 2010 04 27 Verbale
Lun Dic 27, 2010 9:59 pm Da Annalisa

» 2010 05 11 Verbale
Lun Dic 27, 2010 9:58 pm Da Annalisa

» Verbale 8 giugno 2010 - tessera bocciofila
Lun Dic 27, 2010 9:56 pm Da Annalisa

» Verbale 14 settembre 2010
Lun Dic 27, 2010 9:54 pm Da Annalisa

» Verbale 28 settembre 2010
Lun Dic 27, 2010 9:54 pm Da Annalisa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

fa' la cosa giusta




AGENDA
MARTEDI' 21.00-23.00
CONSEGNA PRODOTTI-ASS. SPORTIVA BOCCIOFILA
2° - 4° MARTEDI' 21.00 CONSEGNA
22.00 RIUNIONE - ASS. SPORTIVA BOCCIOFILA

la fiscalità dei gas -Terra utura 2009

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

la fiscalità dei gas -Terra utura 2009

Messaggio  Admin il Dom Lug 19, 2009 8:51 pm

La fiscalità dei GAS – Simona Lenzi – Terra Futura 2009
La Fiscalità nei G.A.S.
Un GAS è un gruppo informale di persone che si uniscono per effettuare acquisti collettivi
rivolgendosi direttamente ai produttori con la finalità di ridistribuire nel gruppo i prodotti
acquistati.
Gruppo informale in quanto non ha alcuna personalità giuridica come, invece, un'associazione o un
qualsiasi altro ente no profit regolarmente costituito.
Acquisti collettivi dove l'acquisto viene solitamente sostenuto dal gruppo ma viene emesso
documento fiscale dal fornitore a nome di un singolo partecipante come persona fisica.
Ridistribuzione nel gruppo cioè i prodotti vengono ridistribuiti ai vari partecipanti facendo pagare
l'esatto importo che è stato sostenuto dal singolo individuo nei confronti del fornitore. Da qui viene
meno l'imponibilità dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) poiché non esiste base imponibile in
quanto non sussiste valore aggiunto.
Possibili problematiche:
Colui che si fa emettere fattura a nome proprio potrebbe avere delle “noie” dal Fisco se in possesso
di partita iva come lavoratore autonomo.
I Gas con strutture informali sono sicuramente più fluide e non richiedono obblighi fiscali e né
adempimenti. Allo stesso modo, però, un gas essendo privo di personalità giuridica è precluso dalla
possibilità di accedere a contributi e finanziamenti erogati da enti pubblici.
Nel caso un gas voglia accedere a tali benefici può costituirsi in associazione.
I passi da fare per costituirsi in associazione...
1) Elaborare un atto costitutivo e uno statuto nella forma di associazione senza scopo di lucro,
di tipo culturale o di promozione sociale.
2) Richiedere il codice fiscale dell'associazione presso l'Agenzia delle Entrate.
3) Registrare presso l'Agenzia delle Entrate l'atto costitutivo e lo statuto ricordandosi che la
registrazione prevede un' imposta di registro di euro 168,00 più marche da bollo da 14,62
euro cadauna ogni 4 pagine (in duplice copia). La registrazione dà data certa all'atto senza
necessità dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata (cioè senza notaio) ed è
essenziale per aderire a dei particolari regimi fiscali.
A questo punto il gas si è costituito in associazione e opererà attraverso essa per l'acquisto dei
prodotti dai fornitori (che rilasceranno fattura o ricevuta intestata all'associazione). L'associazione
potrà, inoltre, richiedere contributi o sgravi fiscali soprattutto con l'iscrizione ad albi che riservano
agli iscritti trattamenti fiscali particolari come, per esempio, l'iscrizione all'albo delle associazioni di
promozione sociale.
La Finanziaria 2008 (L. 244 del 24/12/2007) all'articolo 1 comma 266, 267, 268 ha sottolineato
l'esonero dalle imposte dirette e indirette delle attività svolte internamente ai gas (formalmente
costituiti in associazione):
266. Sono definiti «gruppi di acquisto solidale» i soggetti associativi senza scopo di lucro costituiti al fine di
svolgere attività di acquisto collettivo di beni e distribuzione dei medesimi, senza applicazione di alcun
ricarico, esclusivamente agli aderenti, con finalità etiche, di solidarietà sociale e di sostenibilità ambientale,
in diretta attuazione degli scopi istituzionali e con esclusione di attività di somministrazione e di vendita.
La fiscalità dei GAS – Simona Lenzi – Terra Futura 2009
267. Le attività svolte dai soggetti di cui al comma 266, limitatamente a quelle rivolte verso gli aderenti, non
si considerano commerciali ai fini dell'applicazione del regime di imposta di cui al decreto del Presidente
della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ferme restando le disposizioni di cui all'articolo 4, settimo comma,
del medesimo decreto, e ai fini dell'applicazione del regime di imposta del testo unico di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.
268. All'onere derivante dalle disposizioni di cui ai commi 266 e 267, valutato in 200.000 euro annui a
decorrere dall'anno 2008, si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui
all'articolo 5, comma 3-ter, del decreto-legge 1º ottobre 2005, n. 202, convertito, con modificazioni, dalla
legge 30 novembre 2005, n. 244.
I G.A.S. e i rapporti con i fornitori
I gas si approvvigionano dai vari fornitori i quali possono essere soggetti all'emissione di uno dei
seguenti documenti fiscali: fattura, ricevuta fiscale, scontrino fiscale.
Quando si parla di scontrino fiscale non è necessario inserire sul documento i dati fiscali
dell'acquirente mentre tale necessità è richiesta sia nell'emissione della ricevuta fiscale (anche se a
volte si emettono ricevute senza esplicitare i dati del cliente) sia nell'emissione delle fatture.
In questo caso se il gas è un gruppo informale si rilasceranno al fornitore i dati della persona fisica
completi di codice fiscale, nel caso, invece, un gas sia costituito in associazione verranno rilasciati i
dati dell'associazione e il relativo codice fiscale.
Quando il fornitore deve rilasciare un documento fiscale?
Praticamente sempre.
In verità la disciplina fiscale prevede l'esonero totale solo per coloro che svolgono attività
agricole/allevamento/pesca fino ad un volume d'affari annuale non superiore ai 7.000 euro.
Sarebbe, comunque, raccomandabile richiedere un documento anche non fiscale che certifichi la
presa in carico dei prodotti da parte del soggetto che li ritira per conto del gas in modo che si possa
avere un giustificativo nel caso di un eventuale controllo da parte delle Autorità.

Anche coloro che svolgono attività commerciali o di lavoro autonomo in modo occasionale sono
esonerate dal pagamento delle imposte dirette se il reddito totale resta sotto il limite dei 4.800 euro.
Questo, però, non fa venire meno, anche in questo caso, la possibilità di richiedere una semplice
ricevuta che dettagli quanto acquistato.

Admin
Admin

Numero di messaggi : 150
Data d'iscrizione : 14.06.09
Località : SCANDICCI

http://gaseticamente.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum